Asparagi Bianchi di Bassano bio, fonduta di Parmigiano, uovo in camicia e crostini - Dr.Ssa Sara Lampis
15459
post-template-default,single,single-post,postid-15459,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1400,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Asparagi Bianchi di Bassano bio, fonduta di Parmigiano, uovo in camicia e crostini

La coltivazione dell’asparago Bianco nel Bassanese ha origini molto antiche e numerose sono le citazioni documentali e le testimonianze derivanti dalla tradizione popolare.

Considerando l’asparago dal punto di vista botanico, il turione è il vero fusto della pianta provvisto di squame o foglie e colto prima della sua uscita dal terreno rappresenta la parte commestibile. Con sistemi culturali diversi, si può ottenere bianco, rosato, violetto o verde.

Il turione dell’asparago Bianco di Bassano, cresce e si sviluppa sotto terra, al riparo dalla luce del sole e rimane bianco.

Questo tipo di asparago deve l’assenza di fibrosità ed il suo caratteristico sapore dolciastro alla particolare composizione del terreno di coltivazione di origine alluvionale. Inoltre anche il clima del comprensorio bassanese migliora la struttura qualitativa del prodotto.