Cosa succede se mangiamo in tarda serata? | Diario Sara Lampis
15465
post-template-default,single,single-post,postid-15465,single-format-standard,bridge-core-2.5.9,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1400,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-25.7,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive

Cosa succede se mangiamo di più in tarda serata o nelle prime ore della notte?

Cosa succede se mangiamo di più in tarda serata o nelle prime ore della notte?

Relazione tra ripartizione dei pasti nella giornata e livelli di colesterolo nel sangue.

È già stato dimostrato quanto il ritmo circadiano influisca sull’assorbimento e sull’utilizzo dei nutrienti. Infatti, chi abitualmente consuma il pasto serale nelle ore più tarde o addirittura di notte (come accade per esempio ai turnisti) è a maggior rischio di sovrappeso/obesità.

Una ricerca condotta in Taiwan ha focalizzato l’attenzione sulle ricadute metaboliche, della ripartizione dei pasti nell’arco della giornata. Si è rilevata un’associazione tra livelli di colesterolo totale e colesterolo LDL e abitudine ad assumere più cibo oltre le 20.30.

In particolare, gli autori hanno stimato che per ogni 100 kcal in meno assunte nelle ultime ore della giornata e consumate in più a pranzo o nel pomeriggio, corrispondeva una riduzione dei valori della colesterolemia LDL.

Tale associazione è risultata indipendente dal BMI, indice che mette in relazione il peso con l’altezza; quindi anche coloro che hanno un peso nella norma non devono cedere ai peccati di gola delle ore serali e/o notturne.

L’analisi della composizione in macronutrienti dei pasti ha permesso di evidenziare come la stessa correlazione sia significativa anche considerando la sola assunzione di grassi.

Secondo i ricercatori l’incremento della colesterolemia dipenderebbe dai meccanismi, che regolano il metabolismo del colesterolo. Sembra infatti che, durante le ore notturne, l’assorbimento intestinale dei grassi aumenti; nelle tarde ore serali e durante la notte aumenta anche la sintesi di colesterolo da parte del fegato, che dipende a sua volta dai grassi assorbiti.

In conclusione, assumere più cibo e soprattutto più grassi troppo tardi la sera o nelle prime ore notturne, potrebbe favorire la comparsa di un iperlipidemia, anche nei soggetti normopeso.

 


 

Fonte NMCD Nutrition, Metabolism & Cardiovascular Diseases

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=Chen+H-J%2C+Chuang+S-Y%2C+Chang+H-Y%2C+Pan+W-H.+Nut+Metab+Cardiov+Dis+2019+Jan+14%3B