È una questione di metabolismo… - Dr.Ssa Sara Lampis
14513
post-template-default,single,single-post,postid-14513,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1400,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

È una questione di metabolismo…

Per nascere, crescere, mantenersi e riprodursi gli organismi viventi hanno bisogno di materia ed energia. Non tutti gli organismi viventi sono uguali. Pensate alle piante, che ricavano materia ed energia vitali rispettivamente dai sali minerali, contenuti nel terreno, e dal Sole.

Quali sono le fonti di materia ed energia per l’uomo? Quei famosi “nutrienti”, di cui tanto si sente parlare. I nutrienti sono molecole estratte dagli alimenti, di cui ci cibiamo.

Si distinguono macronutrienti (o macroelementi) e micronutrienti (o microelementi). I primi comprendono proteine, lipidi (grassi) e glicidi (carboidrati); i secondi le vitamine e i sali minerali.

I nutrienti, pertanto, assolvono due principali ruoli: “plastico” per costruire le strutture del nostro organismo ed alimentare la crescita e lo sviluppo; “energetico”, per sostenere tutte le funzioni delle cellule. I nutrienti proteici hanno principalmente funzione plastica, i carboidrati e i grassi esplicano fondamentalmente funzioni energetiche. Tuttavia, i carboidrati ed i grassi concorrono anche alla costruzione delle strutture corporee; viceversa le proteine possono essere utilizzate anche a scopo energetico. Le vitamine e i sali minerali funzionano maggiormente come regolatori delle reazioni chimiche e protettori.

Da qui l’importanza di introdurre tutti i nutrienti con la dieta, perché ciascuno copre un ruolo fondamentale nell’organismo.

Solo in parte i nutrienti si trovano negli alimenti in forma direttamente assorbibile ed utilizzabile dall’organismo. Più spesso nel nostro apparato digerente devono essere separati dalle altre componenti che costituiscono l’alimento, digeriti, assorbiti e infine trasportati nel sangue ai diversi organi che li utilizzano.

La corretta nutrizione è quella che corrisponde, in quantità e qualità, ai consumi del singolo individuo, assicurando un bilancio in pareggio, senza eccessi e senza carenze. Ogni individuo è caratterizzato dai propri parametri. Ponendo l’attenzione sulla parte quantitativa, troviamo risposta ad alcune domande, che spesso ricorrono.

Come mai aumenta la mia massa corporea pur introducendo le stesse quantità di mio marito/moglie, che rimane stabile nel tempo?

Come mai ho la stessa massa corporea di mio figlio/a che introduce il doppio rispetto a quello che introduco io?

Dunque da cosa dipendono tali differenze? Dipende tutto dal metabolismo, che è la somma delle trasformazioni chimiche, che avvengono nel nostro corpo,  e ci permette di utilizzare i nutrienti.

Il metabolismo è diverso da persona a persona e cambia nel corso del tempo, anche nella stessa persona.

Intendiamoci bene, non sono diverse le vie metaboliche attraverso le quali la materia viene elaborata, ma differenti sono le velocità con cui la materia viene assorbita, distribuita, trasformata ed eliminata.

Solo uno studio nutrizionale approfondito sul metabolismo del singolo individuo può aiutare a conoscere la corretta nutrizione.

Dr.ssa Sara Lampis, Biologa nutrizionista.

Bibliografia

Fenomenologia della nutrizione, P. M. Boselli 2011

Biochimica degli alimenti e della nutrizione, I. Cozzani e E. Dainese 2006