Influenza del consumo di fibra a colazione sul diabete di tipo 2 - Dr.Ssa Sara Lampis
14937
post-template-default,single,single-post,postid-14937,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1400,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Influenza del consumo di fibra a colazione sul diabete di tipo 2

Risposta di glucosio e insulina dopo il consumo di colazioni con diverse fonti di fibra solubile nei pazienti con diabete di tipo 2: uno studio clinico.

Mantenere sotto controllo i valori della glicemia dopo pasto è cruciale, soprattutto per chi soffre di diabete di tipo 2. Il ruolo positivo delle fibre nel controllo glicemico è ben noto, mentre andrebbe chiarito se la fonte di fibre migliore per ottenere questo risultato sia quella solamente alimentare, oppure attraverso la supplementazione con preparati solubili.

In questo studio è stato valutato, in tre occasioni successive distanziate di una settimana l’una dall’altra, l’impatto di tre tipologie di prima colazione sulla glicemia post-prandiale di ambosessi (età 65,8 ± 7,3), con una storia di diabete di tipo 2 controllato in modo abbastanza soddisfacente (glicemia a digiuno 135,8 ± 20,7 mg/dL, HbA1c 7,0 ± 0,8 mg/dL) da ipoglicemizzanti orali, senza necessità di insulina.

I tre menu considerati prevedevano: un alto apporto di fibre con gli alimenti (9,7 g totali, di cui 5,4 g di fibre solubili), un alto apporto fornito sia da alimenti, sia da una preparazione sciolta in acqua (in totale 9,1 g di fibre, di cui 5,4 g solubili), a confronto con un breakfast standard contenente soltanto 2,4 g di fibre (di cui 0,8 g solubili).

Entrambi i menu ad alto tenore di fibre hanno ridotto la glicemia post-prandiale, rispetto alla prima colazione standard, in modo simile: dopo un’ora la glicemia era in questi casi di circa 60 mg/dL, a confronto con quasi 80 mg/dL dopo breakfast standard.

Una differenza che si può considerare clinicamente rilevante.

Questa ricerca è la prima ad avere valutato l’impatto delle fibre sulla glicemia post-prandiale di soggetti diabetici in un contesto di vita reale, utilizzando alimenti comuni (da soli o combinati con una bevanda contenente una formulazione a base di fibre) consumati secondo le abitudini normali di vita. La dimostrazione che un’adeguata assunzione di fibre, comunque fornite, sia efficace nel controllo della glicemia dopo la prima colazione, fornisce un’indicazione utile per adattare le proposte nutrizionali alle necessità del singolo paziente.

 

Fonte: Pubmed

Fonte: Nutrition Foundation of Italy