Pizza con impasto al farro tipo 2 con fior di latte primaluna, salmone, zucca con buccia passata al forno e zenzero - Dr.Ssa Sara Lampis
15161
post-template-default,single,single-post,postid-15161,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1400,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Pizza con impasto al farro tipo 2 con fior di latte primaluna, salmone, zucca con buccia passata al forno e zenzero

Focus sullo zenzero

Il rizoma della pianta perenne Zingiber officinale Roscoe è meglio conosciuto come zenzero. Contiene alcune centinaia di composti diversi, la cui concentrazione varia in base al paese d’origine. Il gusto pungente è dato dalla presenza di composti chiamati gingeroli. È noto da 2000 anni per i suoi effetti antinfiammatori e antiossidanti; in effetti le ricerche attuali non hanno fatto che confermare quanto già ampiamente dimostrato dalla tradizione.

Particolarmente potente si è confermata l’attività antiossidante, che cresce al crescere della dose di zenzero consumata. Anche l’effetto antinfiammatorio è simile in molti casi a quello dei farmaci convenzionali e si manifesterebbe nell’uomo già a dosi di 1 g.
Altri dati sperimentali suggeriscono il buon utilizzo per un’attività antipertensiva e vasodilatante. Alcuni studi suggeriscono inoltre un’attività antitumorale, grazie a un componente, il 6-shogaolo, che sembra attivo nei confronti dello sviluppo di metastasi del carcinoma mammario.

L’impiego più tradizionale dello zenzero è però  riservato al controllo di nausea e vomito da cause diverse, dalla nausea gravidica, a quella post-operatoria, al mal di mare: del resto i marinai ne consumavano almeno 1 g al giorno proprio a questo scopo.

 

Fonte: Nutrition Foundation of Italy

http://www.nutrition-foundation.it/apb-alimentazione–prevenzione-benessere-n-1-gennaio-febbraio-2015.aspx#apeb-2