Scaloppa di ombrina dalla Sardegna con cavolo nero, crema di topinambur e tartufo nero | Dr.Ssa Sara Lampis
15326
post-template-default,single,single-post,postid-15326,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1400,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Scaloppa di ombrina dalla Sardegna con cavolo nero, crema di topinambur e tartufo nero

Che cos’è la neofobia al cibo?

È il rifiuto, spesso immotivato, ad assaggiare cibi mai provati in precedenza. Quasi sempre il neofobico al cibo non sa spiegare il perché del suo rifiuto. Certo è che questa preclusione preconcetta è un condizionatore potente del comportamento alimentare, che si ripercuote in modo negativo su gran parte delle scelte alimentari decisive per la salute, come il consumo regolare di verdura e frutta. Non solo: spesso il neofobico rifiuta anche gli alimenti proteici, che siano di origine animale (soprattutto il pesce), o vegetale (legumi). L’alimentazione del neofobico è quindi quasi invariabilmente povera di alcuni nutrienti.

Di fronte a una neofobia è fondamentale non rassegnarsi, ma assaggiare o ri-assaggiare il cibo che non viene consumato abitualmente, lavorando su vari aspetti: variando la tipologia, la consistenza o i sapori e facendo attenzione al contesto sociale ed emotivo in cui si vive l’esperienza.