La mise en place - Dr.Ssa Sara Lampis
16649
post-template-default,single,single-post,postid-16649,single-format-standard,bridge-core-3.0.1,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-28.6,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.8.0,vc_responsive
 

La mise en place

La mise en place

Per chi non conoscesse il significato, la mise en place è un termine francese della ristorazione e significa letteralmente “messa sul posto”. Si fa riferimento all’apparecchiatura completa della tavola.

Quanto presti attenzione a come è preparato il tavolo quando vai al ristorante o quando sei invitato a casa da parenti o amici? Se eseguita a regola d’arte può trasmettere una piacevole sensazione di armonia.

Negli ultimi tempi è facile assistere talvolta ad una rottura dei soliti schemi del galateo e del bon ton: ristoranti di lusso ci accolgono con tavoli nudi e crudi. Non pensare che sia una scelta non ponderata. In questi casi sicuramente i piatti saranno valorizzati in altro modo, per esempio con luci posizionate ad hoc o piatti dalla forma studiata accuratamente.

Perché ti parlo della mise en place? Perché come il famoso detto suggerisce “ anche l’occhio vuole la sua parte” e la fame degli occhi come spiega la Dr.ssa Chiara Simonetto nel suo articolo influenza molto il nostro rapporto con il cibo.

Ti capita spesso di mangiare frettolosamente davanti al PC in dieci minuti di pausa senza prestare attenzione a cosa, quanto e come mangi?

Ti capita di mangiare in piedi davanti al frigo quando sei a casa da sola/o?

Rifletti sulla sensazione di soddisfazione provata in quel momento.

Sicuramente sarà stata poca, non solo perché il pasto sarà stato “spazzolato” velocemente, ma anche perché gli occhi non sono stati saziati da un pasto mindful, che tiene conto dei colori, delle forme, della composizione del piatto e della tavola.

Un pasto così poco soddisfacente potrebbe scatenare la ricerca di alimenti comfort, magari zuccherini, grassi o salati. Se fosse un’abitudine frequente, probabilmente potresti minare le basi per una sana alimentazione.

Ecco alcuni consigli per soddisfare la fame degli occhi:

  • Prepara sempre il pasto, apparecchiando la tavola, anche solo con una tovaglietta quando sei di fretta;
  • poni attenzione non solo alla preparazione del cibo, ma anche a come lo disponi nel piatto;
  • se vuoi creare una vera e propria festa per gli occhi usa un bel piatto, belle posate, un bel bicchiere e gioca con i colori proprio come se ti “invitassi” a pranzo o a cena;
  • anche durante gli spuntini poni attenzione a coinvolgere il senso della vista, così un semplice frutto tagliato a spicchi con una spolverata di granella di frutta secca potrà diventare un piatto particolarmente invitante.